Sociale

“Romeo e Giulietta… forse”, in tanti allo spettacolo della LAI

Pubblicato: 04-12-2023 - 296
“Romeo e Giulietta… forse”, in tanti allo spettacolo della LAI Sociale

“Romeo e Giulietta… forse”, in tanti allo spettacolo della LAI

Pubblicato: 04-12-2023 - 296


In tanti all'Auditorium per assistere allo spettacolo della Lai

Un grande successo di pubblico per il “Romeo e Giulietta…forse!”, targato “L.A.I. - Lavoro Anch'io” di Isernia.



Lo spettacolo teatrale, organizzato in collaborazione con la Compagnia CAST, ha creato aspettative e curiosità nella cittadinanza che, ieri pomeriggio, ha riempito l’Auditorium Unità d'Italia, nonostante la presenza di numerosi eventi concomitanti. Una dimostrazione di affetto e vicinanza nei confronti dei giovani soci della Cooperativa sociale che, da anni, opera sul territorio locale, accogliendo un numero sempre maggiore di persone con disabilità, che provengono non solo da Isernia, ma da diverse zone del Molise. “Possiamo parlare di un vero successo sociale - ha commentato con orgoglio Nino Santoro - che dimostra come la nostra struttura sia diventata ormai patrimonio di tutta la città. Un esempio di come i ragazzi siano entrati nel cuore della gente comune, che ci conosce, ci stima e che segue sempre, con grande partecipazione, tutte le nostre iniziative”. La Cooperativa L.A.I. ha voluto, non solo ringraziare le Istituzioni, il Comune che ha patrocinato l’evento, la Regione e la Provincia di Isernia, ma anche quanti hanno deciso di condividere un pomeriggio con la L.A.I., proprio in occasione della Giornata internazionale dei diritti delle persone con disabilità, che si celebra il 3 dicembre di ogni anno.“L’occasione è stata un modo per ribadire tra gli altri anche il diritto alla felicità, all’essere allegri e spensierati, a superare le barriere con un sorriso”, ha spiegato Santoro. Da qui il titolo dell’evento “Risate e risate con la L.A.I.”. In una sala gremita anche una folta rappresentanza di Confcooperative Federsolidarietà, arrivata da Campobasso, e la CSS di Quintiliano Chiacchiari, che ha assistito alla rappresentazione con un gruppo di migranti. “Abbiamo registrato l'ennesima esperienza di inclusione e inserimento - ha commentato ancora Santoro - I ragazzi sono stati impegnati e si sono divertiti, soprattutto grazie alla pazienza di Giovanni e Silvio della Compagnia CAST, artefici della perfetta riuscita di questo progetto, che continuerà anche nei prossimi anni. Per noi si tratta di un processo di crescita e stimolo fondamentale”. A precedere lo spettacolo, la proiezione di un toccante filmato, che ha emozionato la platea, mostrando le giornate dei soci della Cooperativa che, grazie all'inserimento lavorativo, si sentono impegnati e utili. Un percorso educativo vario e completo, che fa accrescere in loro una sempre maggiore consapevolezza e nuove, fondamentali capacità.


Gallery dell'articolo





Articoli Correlati