Cultura

Venafro: in 14 dicembre Carmelo Burgio presenta il volume "Nassiriyah-dall'attentato all ricerca della verità".

Pubblicato: 04-12-2023 - 310
Venafro: in 14 dicembre Carmelo Burgio presenta il volume "Nassiriyah-dall'attentato all ricerca della verità". Cultura

Venafro: in 14 dicembre Carmelo Burgio presenta il volume "Nassiriyah-dall'attentato all ricerca della verità".

Pubblicato: 04-12-2023 - 310


Il 14 dicembre la presentazione del volume a Venafro

Il 14 dicembre 2023, dalle ore 17:30, presso la sala riunione della palazzina degli uffici comunali di Venafro (ex palazzo Armieri), nell’ambito delle aƫvità organizzate dall’Auser Cultura di Venafro (Is), presenteremo il libro: “Nassiriyah-dall’attentato alla ricerca della verità” scritro dal Gen. Carmelo Burgio, all’epoca neo Comandante delle truppe italiane a Nassiriya e tesƟmone dei tragici avvenimento costaro la vita a decine di carabinieri e militari italiani. È lo stesso autore a parlare della terribile giornata e del perché del suo libro: “A vent’anni di distanza da quella tragica giornata, il suo ricordo rimane ancora vivo nel cuore di ognuno di noi. Era il 12 novembre 2003 e mancavano poco più di venti minuti alle nove del mattino quando le due palazzine in cui risiedevano i carabinieri e i militari del conƟngente che faceva parte dell’operazione “AnƟca Babilonia” vennero devastate da un camion cisterna carico di esplosivo. Morirono 28 persone tra cui diciannove italiani, di questo dodici erano carabinieri, cinque militari dell’esercito e due civili. Il ricordo del Generale Burgio di quel tragico giorno: “Sono arrivato in Iraq il 5 novembre 2003 perché ero stato designato dal Comando Generale dell’Arma dei Carabinieri quale successore del Comandante che aveva aperto la missione a Nassiriya. In quei casi si trascorre un periodo di una seƫtimana/dieci giorni di cosiddetto “affiancamento” che serve per capire la situazione, per poi assumere il comando il 13 o 14 successivi. Il giorno 11, al pomeriggio, ho ricevuto dal Comandante della brigata italiana l’ordine, per il 12 mattina di accogliere una troupe cinematografica che doveva girare un film su Nassiriya. La sera dell’11, invece, sono stato chiamato dalla città di Bassora, dove aveva sede il Comando superiore, ovvero la divisione britannica, e il Generale Comandante mi ordinava di presentarmi da lui. Sono partito di buon mattino e, dopo essere arrivato lì, ho saputo che dieci minuto prima c’era stato l’attentaro a Nassiriya! Questo è il primo ricordo! Il secondo è stato arrivare sul posto e vedere quella distruzione, a cui penso nessuno sia abituato. Il mio terzo pensiero era che, essendo il Comandante del reggimento dei paracadutisti e avendo ricevuto un particolare addestramento, avevo il dovere di riportare quei ragazzi a casa, perché prima dell’attentato qualcuno aveva deciso che avrei assunto quel comando. In quel momento mi ha aiutato il non pensare ai ricordi, ma solo al domani. L’autore del libro in più interviste ha sottolineato: “Bisogna avere il massimo rispetto per i caduti e, da militare di professione, è inutile che dica qual è il mio rispetto per loro. Il libro vuol dire che Nassiriya non ha rappresentato solamente diciannove morti tra carabinieri, militari dell’Esercito e due civili, ma anche molte persone che, in silenzio, si sono rimboccate le maniche pensando a fare il proprio dovere fino alla fine. Ero il comandante del reggimento paracadutisti e, in quel momento, avevo molta esperienza operativa sulle spalle. Con il plotone dei miei Carabinieri paracadutisti eravamo addestrati e alcuni di loro avevano partecipato a precedenti missioni in Somalia, Albania, Libano o Sarajevo. Tutti gli altri però, compresi i militari stranieri, tra cui una compagnia di romeni e una di portoghesi della Guardia Nazionale, non avevano un addestramento specifico per quel determinato scenario.



Questo è uno dei motivi per cui ho scritto questo libro. Queste persone per la maggior parte pur non avendo l’addestramento per quegli scenari di combattimento si sono rimboccate le maniche e con il cosiddetto ‘on the job training’ sono rimaste lì e con la laura hanno terminato la missione. 


Gallery dell'articolo





Articoli Correlati