Home Moda Moda: lo sviluppo del brand, parte seconda.

Moda: lo sviluppo del brand, parte seconda.

Moda: lo sviluppo del brand, parte seconda.
47
0

In questo articolo approfondiamo e riflettiamo sullo sviluppo del brand. I passaggi successivi alla prima collezione, la prima uscita, i primi riscontri con il sistema commerciale della distribuzione. Quali errori evitare, quali sono i punti deboli dei vari passaggi e come trasformare un’idea di brand ad un vero brand, una vera Azienda. Molte difficoltà nascono da una mancanza di linguaggio tra la parte stilista, quelle delle idee con la parte commerciale, cioè l’interfaccia tra azienda e rete vendita.

Primo punto essenziale è quello del dialogo, del confronto tra chi crea e chi vende. Uno degli errori da non compiere è quello di pensare di fare tutto, stilistica, tendenza e commerciale.

La figura del Direttore Commerciale è molto importante, anzi essenziale. Il Direttore Commerciale è il pilota dell’Azienda, del brand. La scelta del commerciale è importantissima. E’ lui che conosce la rete vendita, gli Showroom che poi dovranno relazionarsi con i commercianti, Quindi la scelta di questa figura è fondamentale. Buona norma è quella di creare un gruppo di lavoro coeso, come se fosse una squadra di calcio. Il commerciale insieme al titolare/i dell’Azienda dovranno poi “raccontarsi” con i vari Agenti di Zona. L’Italia è divisa in 11/12 Aree commerciali, ogni area ha il suo Agente di zona con un proprio Showroom. Le collezioni di solito sono una per stagione, a gennaio l’uscita dell’Autunno/Inverno dell’anno successivo e Giugno per la Primavera/Estate dell’anno successivo.

La maggior parte delle aziende lavorano con il “programmato”, cioè si presenta la collezione in un determinato periodo alla clientela e c’è un’inizio di raccolta e una di fine. Questo permette di programmare la produzione e iniziare le consegne almeno 1 mese prima che inizia la stagione durante i saldi. Quindi quando una stagione và in Saldi l’altra verrà consegnata e così via stagione per stagione.

La macchina non si ferma, periodo delle idee, periodo della prototipia, periodo della presentazione della collezione, periodo della raccolta ordini, periodo della produzione e periodo della consegna. Il Direttore Commerciale e suoi 11/12 agenti sono una squadra al servizio dell’azienda. Alcuni brand non hanno un vero sistema tradizionale come appena descritto ma si servono degli Showroom con un mandato Italia, Europa oppure Mondo.

I più famosi Showroom in Italia di questo genere sono: ASAP SHOWROOM – BRERAMODE – DANIELE GHISELLI – ELISA GAITO – FATTOREK MILANO SHOWROOM – GUFFANTI CONCEPT SHOWROOM – RICCARDO GRASSI SHOWROOM – MARCONA3 – STUDIOZETA. Milano con la sua storia è sicuramente il cuore pulsante della moda in Italia se non nel Mondo. La sede principale di molti stilisti è Milano, gli Showroom più rappresentativi sono a Milano. Il marketing, il Press, le Fiere tra le più importanti sono a Milano.

Nella prossima puntata parleremo dello sviluppo della rete vendita e della presentazione delle collezioni nelle fiere più importanti in Italia e in Europa. Spero che l’argomento possa arricchirsi con domande da parte vostra in modo che il nostro “Andrea” possa conoscere al meglio i passi da compire per il suo ipotetico brand.

Mail to: orlandobrunetti08@gmail.com  direttore@newsdellavalle.com

Testo a cura di Orlando Brunetti

 

(47)

error: