Home Cronaca Isernia: il Rotary dona un defibrillatore alla città

Isernia: il Rotary dona un defibrillatore alla città

Isernia: il Rotary dona un defibrillatore alla città
29
0

RispondiCancellaMore

PREVENIRE LA MORTE IMPROVVISA

Da

capo.ufficio.stampa_Mauro.Gioielli <capoufficiostampa@comune.is

Lodevole iniziativa del Rotary di Isernia

PREVENIRE LA MORTE IMPROVVISA

Nel tardo pomeriggio di sabato 9 marzo, in una delle sale dell’auditorium Unità d’Italia, ha avuto luogo l’incontro denominato «Con il Cuore per il Cuore», organizzato dal Rotary Club di Isernia e incentrato sulla prevenzione della morte improvvisa e sulla donazione d’un defibrillatore. Presenti molti soci Rotariani, alcune autorità e vari rappresentanti delle organizzazioni sanitarie molisane.

In apertura, il presidente del club isernino, Pasquale Corrado, ha spiegato le finalità del Rotary International, che si riassume nel motto «Servire al di sopra di ogni interesse personale», e ha ricordato i tantissimi clubs sparsi nel mondo, costituiti da persone che svolgono le più qualificate professioni e che si associano per impegnarsi a favore del prossimo.

Ha poi preso la parola il sindaco di Isernia, Giacomo d’Apollonio, che ha elogiato l’iniziativa “Con il Cuore per il Cuore” e ha assicurato la collaborazione del Comune a tutte le manifestazioni analoghe, di rilevanza sociale e umanitaria.

Quindi, c’è stata la conferenza del cardiologo Bruno Castaldi, il quale ha parlato della morte improvvisa, una causa di decesso la cui tipologia richiederebbe maggiore attenzione e prevenzione stante l’alto numero di casi (in Italia 57mila morti ogni anno). Spesso un defibrillatore può salvare la vita di chi viene colpito da arresto cardiaco, per cui è opportuna la diffusione di tali apparecchiature.

Infatti, il Rotary Club di Isernia, in occasione dell’incontro di sabato scorso, ha voluto donare un defibrillatore al Comune di Isernia, da collocare all’interno dell’auditorium.

La serata si è conclusa con l’esibizione musicale di alcuni alunni della scuola media “Andrea d’Isernia”.

(29)

error: