Home Politica Isernia: Irma Barbato di “ISERNIA MIGLIORE”. “Delusa dal comportamento dell’Amministrazione Comunale”.

Isernia: Irma Barbato di “ISERNIA MIGLIORE”. “Delusa dal comportamento dell’Amministrazione Comunale”.

Isernia: Irma Barbato di “ISERNIA MIGLIORE”. “Delusa dal comportamento dell’Amministrazione Comunale”.
112
0

La nota della consigliera del gruppo “Isernia Migliore”.

A due anni e mezzo dall’inizio della mia esperienza da consigliere comunale della città di Isernia, sento la necessità di esprimere il mio rammarico e di palesare una decisione che, per senso di responsabilità, ho ritenuto di dover assumere.
Alla base delle mie valutazioni vi è la personale delusione, da cittadino e da amministratore,’nei confronti di un’amministrazione che ha operato, fino a questo momento, in totale assenza di programmazione e condivisione, andando contro quel progetto da me sostenuto in ogni modo attraverso il mio costante impegno e i numerosi tentativi di dialogo e di risoluzione degli evidenti problemi, che avevo deciso di condividere con convinzione e fiducia all’inizio di questo percorso.

Dopo un lungo periodo di valutazione e riflessione e dopo aver instaurato un proficuo confronto con il collega consigliere Andrea Galasso, capogruppo del gruppo consiliare “Isernia Migliore”, persona seria e di esperienza che ha compreso e fatto propri i miei malumori insieme agli altri tre colleghi componenti, ho ritenuto di condividere il progetto e la linea politico-amministrativa del gruppo consiliare di minoranza “Isernia Migliore” composto dai colleghi consiglieri Galasso, Antenucci, Dall’Olio e Di Pasquale, al quale intendo aderire fuoriuscendo dal gruppo consiliare di maggioranza “Insieme per il molise”.

Una scelta sofferta ma convinta, fatta con senso di responsabilità nei confronti di coloro che hanno riposto in me fiducia e della città di Isernia che merita un’amministrazione degna di saperne risollevare le sorti.
Nulla di personale contro il sindaco ne tanto meno contro i colleghi della maggioranza. Da oggi in poi dobbiamo lavorare per il bene della città e per risolvere le problematiche di quest’ultima.

(112)