Home Territorio Capracotta ricorda Erasmo Iacovone a quarant’anni dalla scomparsa.

Capracotta ricorda Erasmo Iacovone a quarant’anni dalla scomparsa.

Capracotta ricorda Erasmo Iacovone a quarant’anni dalla scomparsa.
18
0

Il sindaco Paglione: “un momento importante per ricordare il nostro campione e il valore dello sport quale elemento di aggregazione sociale negli “anni 70” a Capracotta

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO DA COMUNE DI CAPRACOTTA (IS)

Sabato 11 agosto 2018, a partire dalle ore 16 e 30, l’Amministrazione comunale di Capracotta e gli “Amici di Erasmo” ricorderanno il calciatore Erasmo Iacovone, tragicamente scomparso a San Giorgio Ionico il 6 febbraio 1978, a seguito di un incidente stradale.

Iacovone era il centravanti del Taranto, squadra della serie B che grazie ai suoi gol stava per approdare in serie A. Nonostante siano trascorsi quarant’anni da quel maledetto giorno, Erasmo resta ancora il più grande calciatore del Taranto, mai dimenticato. Anzi, ancora oggi resta nella memoria dei tifosi di quella città e della gente comune.

Capracotta vuole ricordarlo con una cerimonia semplice, ma ricca di significati. Per l’occasione il Comune ha realizzato una targa che verrà posta sulla casa dove Erasmo era nato il 22 aprile del 1952. Gli amici di Erasmo, i suoi coetanei e le persone che hanno condiviso con lui la passione per il calcio hanno allestito una mostra fotografica molto interessante con foto, filmati e cimeli inediti e sconosciuti ai più. Per l’occasione sarà proiettato il cortometraggio realizzato lo scorso anno dal regista Alessandro Zizzo, che sarà presente all’evento commemorativo, insieme all’attore Angelo Argentina che ha interpretato la figura di Erasmo Iacovone. La moglie Paola, i fratelli Livio, Giacomo e  Felice e la sorella Concetta saranno presenti alla cerimonia per condividere con tutta la comunità capracottese il ricordo di Erasmo. Ci saranno, inoltre, altre testimonianze importanti da parte di chi ha avuto la fortuna di conoscere personalmente l’uomo e il campione.

Il sindaco Paglione: “l’idea della manifestazione è l’occasione non solo per mantenere vivo il ricordo del nostro campione, ma anche per una riflessione più complessiva sul valore dello sport quale elemento di aggregazione sociale, in particolare negli anni 70 a Capracotta”.

L’assessore regionale allo sport, Vincenzo Niro, farà il punto della situazione sulla programmazione relativa all’impiantistica sportiva.

(18)