Home Ambiente Filignano: una croce in onore dei caduti della Seconda Guerra Mondiale. Anche Monte Pantano ha il suo monumento commemorativo.

Filignano: una croce in onore dei caduti della Seconda Guerra Mondiale. Anche Monte Pantano ha il suo monumento commemorativo.

Filignano: una croce in onore dei caduti della Seconda Guerra Mondiale. Anche Monte Pantano ha il suo monumento commemorativo.
524
0

FILIGNANO. Tra l’autunno del 1943 e la primavera del 1944 il piccolo comune mainardico si ritrovò nel bel mezzo della “Linea Gustav”, che i tedeschi  in ritirata verso Cassino, avevano presidiato per resistere all’avanzata delle forze alleate. Durante la campagna d’Italia, l’esercito tedesco era attestato su una linea difensiva naturale che andava da Minturno ad Ortona, seguendo così il corso dei fiumi Garigliano, Volturnbo e Sangro. Questa linea di fortificazione si appoggiava ad una serie di quote presenti nel territorio: Monte Cassino, monte Sammucro, Monte Pantano, Monte Marrone. Fu proprio sul monte Pantano, che si svolsero i combattimenti più sanguinosi e cruenti. Combattimenti per la conquista della vetta. A Filignano era schierata, tra novembre 1943 e gennaio 1944, la 305esima e la 44esima divisione di fanteria tedesca fronteggiata dalla 34esima e 45divisione di fanteria americana e dalla seconda divisione di fanteria marocchina.

Installazione croce
Installazione croce
Croce Monte Pantano - Lavori
Croce Monte Pantano – Lavori

Monte Pantano fu investita da violenti e sanguinosi combattimenti per la sua conquista; Filignano e le sue frazioni di Lagoni, Mastrogiovanni e Cerasuolo pagarono un grande tributo con la morte di molti civili ed estese distruzioni. La battaglia di monte Pantano si svolse dal 29 novembre al 9 dicembre 1943 e vide protagonisti la 34ª divisione americana Red Bull e la 30ª divisione tedesca B Alkan che subirono notevoli perdite. Per ricordare questo episodio storico è stata realizzata da Eugenio Verrecchia, filignanese doc, una croce commemorativa interamente realizzata con schegge derivanti da residui bellici. La croce è stata posta sulla vetta del monte e cementata da Gino Di Sandro, Loris Di Meo, Fabrizio Verrecchia, Valerio Ferri e Matteo Campopiano. Un gesto davvero molto lodevole perché a ben 70 anni dalla fine della seconda Guerra Mondiale anche uno dei luoghi più insanguinato in assoluto del conflitto bellico, ha finalmente avuto la sua croce commemorativa. Il monumento commemorativo pesa circa 60 Kg e le schegge dei caduti equivalgono al numero dei caduti complessivi che rappresentano. Prossimamente il “luogo del ricordo” di Monte Pantano sarà anche incentrato in un progetto di sviluppo “storico” che mirerà a portare turisti sulla vetta del monte per ricordare la battaglia. Mi. Vi.

Croce Monte Pantano
Croce Monte Pantano

(524)

error: