Home Economia Abolire il finanziamento all’editoria per voi è cosa giusta? Non condividiamo l’idea dei Cinque Stelle, soprattutto in un periodo di così grande sofferenza per le testate giornalistiche.

Abolire il finanziamento all’editoria per voi è cosa giusta? Non condividiamo l’idea dei Cinque Stelle, soprattutto in un periodo di così grande sofferenza per le testate giornalistiche.

Abolire il finanziamento all’editoria per voi è cosa giusta? Non condividiamo l’idea dei Cinque Stelle, soprattutto in un periodo di così grande sofferenza per le testate giornalistiche.
34
0

Molti editori a livello regionale e nazionale sono già pronti alle barricate.

Alcune note dolenti potrebbero riguardare il mondo dell’editoria in generale e dell’informazione nei prossimi anni. Uno dei punti cardine della campagna elettorale alle politiche e in caso di Governo dei Cinque Stella ha riguardato la possibile abolizione del finanziamento diretto e indiretto in primo luogo ai giornali. Al fianco a questo argomento anche la soppressione del fondo per le tv locali. Si tratta di due dei passaggi del programma del Movimento Cinque Stella in materia di editoria. (ecco il link https://www.movimento5stelle.it/programma/wp-content/uploads/2018/02/Editoria.pdf)

Esiste anche un precedente in tale senso, appena insediatosi in Parlamento nel 2013, un rappresentante dei grillini, il senatore Vito Crimi, depositò una proposta di legge riguardante questo settore  (ecco il link https://www.huffingtonpost.it/2013/05/27/m5s-abolizione-finanziamento-editoria_n_3341376.html).

Il settore dell’editoria è già in crisi di per sè, e l’approvazione di una legge simile a livello nazionale, e di leggi analoghe a livello regionale, sarebbe il colpo di grazia definitivo per migliaia di giornalisti e relative famiglie.

L’abolizione del finanziamento alla stampa è un punto imprescindibile del programma dei 5 Stelle, come hanno più volte ribadito lo stesso Grillo e Di Maio e il laboratorio di tutto questo potrebbe essere proprio il Molise. Molte testate come la nostra sperano che tutto ciò non si possa mai realizzare, senza polemizzare e ne tantomeno puntare il dito. Ma le preoccupazioni restano, sperando che i Cinque Stelle possano cambiare idea e cancellare queste proposte dal loro futuro programma di governo. Mi. Vi.

 

(34)