Home Sociale Isernia: sfratti da parte dello Iacp ad alcune famiglie morose. Filomena Calenda scrive a Frattura. “Congeliamo le morosità in attesa di modificare il bando apposito”.

Isernia: sfratti da parte dello Iacp ad alcune famiglie morose. Filomena Calenda scrive a Frattura. “Congeliamo le morosità in attesa di modificare il bando apposito”.

Isernia: sfratti da parte dello Iacp ad alcune famiglie morose. Filomena Calenda scrive a Frattura. “Congeliamo le morosità in attesa di modificare il bando apposito”.
107
0

Drammatica la situazione che sé venuta a creare per alcune famiglie residenti in Viale 3 Marzo in città.

ISERNIA. La consigliere comunale Filomena Calenda ha comunicato agli organi di informazione di essere intervenuta nella giornata odierna, per tentare di sanare una questione davvero difficoltosa. Si tratta delle condizioni di alcune famiglie residenti in città e più precisamente nella palazzina Iacp (edilizia autonoma popolare) di Viale 3 Marzo. Come raccontato dalla coriacea consigliera comunale isernina la situazione di queste famiglie, ben cinque nuclei, sarebbe difficilissima. Infatti, in parte di questi, sia marito che moglie sarebbero rimasti privi del posto di lavoro. Nei giorni scorsi le famiglie in questione si sono visti arrivare a casa degli avvisi con ingiunzioni di sfratto esecutivo per morosità e quindi per il mancato pagamento degli ultimi mesi di canone di affitto all’Istituto Autonomo Case Popolari. Affitto che mensilmente si aggira sui 320euro mensili, canone che la Calenda considera anche alto per una regione come il Molise.

Esiste da tempo un bando promosso dallo stesso Iacp e dalla Regione Molise denominato “Bando per la morosità incolpevole” che permette di sanare i debiti con il Iacp. Ma per potervi accedere e partecipare occorre mettere mano al portafogli e sanare una prima tranche di acconto con 4mila euro sonanti. Cosa del tutto impossibile per famiglie che sono rimaste completamente senza una occupazione fissa.

La morosità incolpevole permette di rientrare dai pregressi nei confronti dello stesso IACP e non rischiare nessun tipo di  ingiunzione di sfratto. Per questo motivo il consigliere comunale Filomena Calenda che conosce il polso della situazione sociale della città pentra ha scritto ufficialmente alla giunta regionale del Molise, al presidente Frattura, al Presidente del Consiglio Regionale del Molise Cotugno e allo stesso Iacp, chiedendo un congelamento , almeno fino a dopo le prossime elezioni regionali, di queste ingiunzioni di sfratto piovute così all’improvviso e una ridiscussione immediata del bando per la morosità incolpevole, in modo da aiutare realmente chi si trova in difficoltà, evitando magari l’anticipo di 4mila euro in contanti per rientrare nelle more, spesa impossibile per molte di queste famiglie in difficoltà.

(107)