Home Territorio “Scuola: Spazio Aperto alla Cultura”, in tutta Italia parte il programma di iniziative finanziato dalla Direzione Generale Arte Architettura Contemporanee e Periferie Urbane del MiBACT

“Scuola: Spazio Aperto alla Cultura”, in tutta Italia parte il programma di iniziative finanziato dalla Direzione Generale Arte Architettura Contemporanee e Periferie Urbane del MiBACT

“Scuola: Spazio Aperto alla Cultura”, in tutta Italia parte il programma di iniziative finanziato dalla Direzione Generale Arte Architettura Contemporanee e Periferie Urbane del MiBACT
25
0

Tra le scuole vincitrici del bando anche L’Itis Majorana – Fascitelli di Isernia che riceverà un contributo di 100mila euro.

La Direzione Generale Arte e Architettura Contemporanee e Periferie Urbane del MiBACT, diretta da Federica Galloni, con il programma nazionale “Scuola: Spazio Aperto alla Cultura”, ha finanziato con 3 milioni di euro i progetti di 31 scuole distribuite in 17 regioni italiane. L’iniziativa, partita a dicembre 2016 con un bando pubblico, ha lo scopo di riqualificare gli spazi delle scuole e di ampliare l’offerta culturale, attraverso attività e iniziative rivolte a tutti i cittadini.

 “L’idea alla base del progetto è rendere le scuole poli di interesse permanente per gli studenti e offrire un’attività formativa trasversale” è il commento di Federica Galloni, Direttore Generale DGAAP, che prosegue “abbiamo pertanto sostenuto un programma di iniziative da svolgersi in orari extrascolastici capaci di coinvolgere, oltre agli studenti, tutti gli attori del territorio: famiglie, associazioni e insegnanti”.

Le scuole che hanno partecipato sono di ogni ordine e grado, da quella primaria agli istituti di istruzione superiore, licei e istituti tecnici; ciascuna ha potuto beneficiare di un contributo fino a 100 mila euro e oltre la metà delle proposte proviene dal Meridione e dalle Isole.

Da un lato, i progetti riguardano il recupero e la riqualificazione di spazi dismessi o inutilizzati nelle scuole; dall’altro hanno lo scopo di sviluppare iniziative culturali per tutta la cittadinanza come strumento per la valorizzazione dei luoghi pubblici e per la creazione di momenti di aggregazione e di formazione. Tra le diverse iniziative, spiccano quelle che coinvolgono la creatività contemporanea: ad esempio attraverso l’enogastronomia, come avviene all’Istituto Polispecialistico San Paolo di Sorrento o ad Ascoli Piceno, all’Istituto di Istruzione Superiore “Celsio Ulpiani”, dove è stato restaurato il “Museo del vino e della civiltà rurale” annesso alla scuola. Sperimentazioni di danza e teatro, con la riqualificazione degli spazi per adeguarli alle attività in programma, sono in atto a Palermo all’Istituto comprensivo ad indirizzo musicale “Rita Atria” o a Sassari all’Istituto Comprensivo “San Donato”, con l’organizzazione di una rassegna cinematografica, attività per la produzione e post-produzione dei video e realizzazione di un lungometraggio popolare pensato per dar voce agli abitanti del quartiere. Il Liceo Classico Statale “Paolo Sarpi” di Bergamo e l’Istituto Comprensivo di Gorizia stanno invece attuando interventi di riqualificazione museale dei complessi scolastici per destinarli ad attività scientifiche.

Tutti i progetti vincitori e le iniziative delle scuole sono consultabili online al link  http://www.aap.beniculturali.it/scuola_spazio_aperto_alla_cultura.html

Tra queste, ha vinto il bando l’ITIS “Majorana – Fascitelli” di Isernia con il progetto “La grande storia di Isernia: dalla preistoria alla globalizzazione”, che prevedrà, tra le altre iniziative, la riapertura post-sisma dell’antico istituto di Via Garibaldi. 

Al Liceo Classico si alterneranno artisti e studiosi del territorio, che metteranno in scena spettacoli teatrali, concerti e lezioni spettacolo, che partono da ora fino al mese di dicembre. Le manifestazioni si riferiscono alla cultura e tradizioni locali, sono aperte a tutto il pubblico del territorio e vogliono fornire a tutti i cittadini eventi di vario tipo inseriti in un contesto di assoluto valore storico e architettonico.

Il programma nel dettaglio:

17 novembre: Spettacolo teatrale di Maurizio Santilli “Centro-Sud e Isole Comprese”;

24 Novembre: Lezione laboratoriale condotta dagli archeologi e studiosi dell’Università di Isernia “Isernia prima di Isernia. Il sito preistorico di Isernia La Pineta 40 anni dalla scoperta”;

1 dicembre: Esibizione di Piero Ricci e gruppo Novamusa con lo spettacolo “Ti racconto il Molise”;

6 dicembre: Spettacolo di Giampaolo D’Uva e Cast “Il teatro di Isernia: dalla tradizione all’innovazione”;

15 dicembre: Conferenza Michelangelo Stefàno, Capitano dei Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale, Caschi blu per la cultura: “Ruolo dell’Italia nella tutela e nella valorizzazione del patrimonio culturale nel mondo”.

 

 

 

 

 

 

 

(25)