Home Economia Pozzilli: dopo 12 anni torna un presidente alla guida del Nucleo Industriale di Venafro-Pozzilli. Eletta Stefania Passarelli.

Pozzilli: dopo 12 anni torna un presidente alla guida del Nucleo Industriale di Venafro-Pozzilli. Eletta Stefania Passarelli.

Pozzilli: dopo 12 anni torna un presidente alla guida del Nucleo Industriale di Venafro-Pozzilli. Eletta Stefania Passarelli.
200
0

POZZILLI. Dopo dodici anni di commissariamento nella giornata di ieri si sono svolte le elezioni per il rinnovo delle cariche del nucleo industriale di VENAFRO-POZZILLI. Un atto, che come sottolineato dal neo presidente eletto, Stefania Passarelli attuale primo cittadino di Pozzilli, che l’ente attendeva da oltre un decennio. L’esito delle urne è stato il seguente. Presidente eletto Stefania Passarelli. I membri del nuovo direttivo saranno Luigi Paolone, Custode Russo, Mario Stati e Pasquale Colitti, tutti sindaci in carica dei comuni facenti parte del Consorzio.

 DICHIARAZIONI STEFANIA PASSARELLI PUBBLICATE SU FACEBOOK:

“Sono onorata di ricoprire la carica per la quale mi hanno prescelta e ringrazio i soci che hanno voluto darmi fiducia; ricordo che il primo a farlo è stato il Presidente Di Laura Frattura che mi ha voluto quale commissario. Continuerò a profondere tutto il mio impegno per lo sviluppo dell’area industriale della nostra Provincia e lo farò unitamente a quanti mi affiancheranno nel Direttivo; sarò vicina agli imprenditori ed alle maestranze, recependone le esigenze ed attivandomi concretamente per il miglior loro soddisfacimento. Sono persuasa che nuove imprese si insedieranno nel nostro nucleo industriale anche grazie agli incentivi previsti per le aree di crisi, favorendo quindi la creazione di nuovi posti di lavoro che genereranno ricchezza e benessere per l’intera popolazione della Provincia. Un ringraziamento particolare va ai dirigenti ed al personale tutto del Consorzio Industriale per l’impegno profuso in questi ultimi mesi e per l’aiuto datomi: senza di loro di certo non sarei riuscita a raggiungere il più ambizioso obiettivo che potessi pormi: il risanamento dell’Ente”.

 

 

(200)